17 ° incontro europeo delle persone che vivono la povertà.

Il 7 e l’8 novembre si terrà a Bruxelles il 17 ° incontro europeo delle persone che vivono la povertà. Questo incontro è organizzato dalla Rete europea contro la povertà (EAPN) con il sostegno della Commissione europea, della Presidenza austriaca del Consiglio europeo e del Fondo EAPN. È un’opportunità unica per le persone con esperienza diretta di povertà di affrontare e scambiare con i responsabili delle decisioni dell’UE.

Questo incontro si svolgerà mentre l’Europa è in un momento di crisi, con il pericolo che i cittadini europei perdano fiducia nel progetto europeo. Il fatto che quasi 113 milioni di cittadini dell’UE vivano ancora a rischio di povertà o esclusione sociale, rappresenta un fallimento del nostro sistema politico ed economico, che necessita di una riprogrammazione per combattere la povertà e l’esclusione sociale.

L’Incontro di persone che vivono la povertà di quest’anno sarà dedicato alla povertà e all’accesso all’educazione. Oltre un centinaio di persone che vivono in povertà da 32 paesi europei stanno preparando le discussioni e saranno a Bruxelles per condividere le loro conoscenze e esperienze reciproche e con i responsabili delle decisioni dell’UE. Per EAPN, l’istruzione è uno stato di preparazione all’apprendimento continuo e pronto per la vita. È un diritto fondamentale che dovrebbe essere accessibile a tutti e non solo visto come un mezzo per accedere al mercato del lavoro.

Ci saranno due dibattiti tra cui i seguenti relatori: Vera Hinterdorfer , vicepresidente EAPN, Katarina Ivanković Knežević , (direttore degli affari sociali presso la DG Occupazione, affari sociali e inclusione europea della Commissione europea), Florian Pecenka (Dipartimento per l’istruzione, Scienza e ricerca presso la Rappresentanza permanente dell’Austria presso l’UE), Michael Teutsch (capo dell’unità per le scuole e il multilinguismo della DG Istruzione e cultura nella Commissione europea) e Guy Vanhengel – Ministro delle finanze e del bilancio di Bruxelles.