Reddito Adeguato e Salario Minimo, la posizione di Eapn

La Presa di posizione (Position Paper) interviene sul Reddito Minimo Adeguato (RMA) e sul Salario Minimo (SM) e si basa sul lavoro svolto dalla Rete Emin (European Minimum Income Network) nel periodo 2013-2018 e dal Gruppo Inclusione Sociale di Eapn.

Per EAPN il RMA è la chiave per lo sviluppo e la promozione di un complessivo e coerente approccio per assicurare alle persone risorse adeguate e vivere in maniera dignitosa, sia che lavorino o siano disoccupate, che non siano ancora occupate o siano disoccupate da lungo tempo.

Molte persone che, per diversi motivi, sono fuori dal mercato del lavoro non possono beneficiare dei benefici sociali (cassa integrazione, Naspi, ecc) e senza un Reddito Adeguato la loro povertà non può essere sradicata.

Le Misure di Reddito Minimo Adeguato sono la “ragion d’essere” di EAPN nonché il loro DNA.

Per EAPN, una “soft law europea” non è sufficiente per ridurre la povertà, per garantire una occupazione dignitosa, condizioni di lavoro e di vita per tutti gli europei.

EAPN chiede una Direttiva Quadro sul Reddito Minimo Adeguato – che traduca il diritto ad un reddito minimo adeguato per tutti lungo il corso della vita, all’interno di un impegno giuridicamente vincolante per tutti gli Stati membri – e la richiesta di una norma quadro europea per i Salari Minimi Equi, visto i fallimenti dei “meccanismi europei non vincolanti” (soft-law) degli ultimi 20 anni come il Metodo Aperto di Coordinamento.   

L’incontro europeo delle Persone in Povertà di novembre 2019 organizzato da EAPN, ha riconosciuto le Misure di Reddito Minimo come un tema chiave.

La pandemia provocata dal SARS COV 2 (COVID19) – ha colpito più duramente i più poveri e le persone più vulnerabili e le loro famiglie – ha accentuato la necessità di un sostegno ad un reddito adeguato, per coloro che sono fuori dal mondo del lavoro o rischiano di uscire dai sistemi di protezione sociale ed è ancora più urgente di prima. Lo stesso vale per chi è disoccupato o inabile al lavoro. Queste persone si trovano a dover pagare costi molto alti, per questo sono urgenti e necessari adeguati, accessibili e attivabili benefici al reddito.

La pandemia ha fatto emergere la vulnerabilità dei lavoratori atipici e precari in Europa e nel mondo, inclusi coloro che hanno contratti a zero ore o che sono lavoratori stagionali.

La necessità di lavori di qualità e una occupazione con salati adeguati ed equi per uno standard di vita dignitoso è più che mai urgente.

Il testo completo: https://www.eapn.eu/eapn-position-paper-on-adequate-income/

Please follow and like us:

Lascia un commento