This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Lettera aperta alla Presidente della Camera Laura Boldrini

Laura Boldrini

Teodosi (Cilap) ha inviato una lettera aperta alla Presidente Boldrini: “Reddito di dignità, chi non è pronto sono gli Stati membri, ognuno con le proprie paure. Un reddito di dignità deve essere adeguato alle necessità di una persona, e non deve essere inferiore alla soglia stabilità a livello europeo”.

Roma, 22 dicembre 2015 – In riferimento all’intervista alla Presidente Boldrini apparsa su Repubblica del 22 dicembre 2015 sul reddito di dignità ai poveri, Nicoletta Teodosi, presidente del Cilap – Collegamento Italiano di Lotta alla Povertà – sezione italiana di EAPN – European Anti Poverty Network ha inviato una lettera aperta alla Presidente Boldrini . “Noi siamo di parte, lavoriamo per e con le persone in povertà, o che sono a rischio di disagio e di esclusione: persone che hanno perso o rischiano di perdere dignità per assenza di un reddito, provocata dalla mancanza di lavoro con il quale produrlo, per carenza di reddito adeguato da lavoro, a causa di un sistema di protezione sociale che non tutela i più deboli. L'Europa, con le risoluzioni del Parlamento e le Comunicazioni della Commissione, è pronta a un reddito minimo adeguato, già da tempo. Chi non è pronto sono gli Stati membri, ognuno con le proprie paure: chi teme l'abbassamento dello Stato sociale, chi considera il reddito minimo come una misura passiva, chi vede una misura europea o nazionale una perdita di potere contrattuale, chi considera la politica sociale una materia che non è di competenza europea (purtroppo con ragione). Le reti europee sono pronte dal 1992, dalla prima Comunicazione

della Commissione; poi sono arrivate le reti nazionali, come Bin e Libera. Sottolineiamo che l’Italia e la Grecia sono gli unici due paesi che non hanno una misura o una legge riguardante il reddito minimo.

La povertà in Italia è in aumento. Con il nuovo Isee non sono diminuite le persone in povertà, rispetto alle richieste degli anni precedenti: si è semplicemente alzata "l'asticella" dell'accesso alle misure di sostegno sociale, pensando a chi truffa più che realmente le persone in condizioni di bisogno. Il bonus da 500,00 euro è l'equivalente del regalo per i 18 anni che un padre di famiglia farebbe (potendoselo permettere). Ma lo accettiamo. Un reddito di dignità, secondo il nostro punto di vista, è un reddito adeguato alle necessità di una persona, e non deve essere inferiore alla soglia stabilità a livello europeo”.

Ufficio Stampa Cilap, Nicola Perrone, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. <mailto:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>, M 329.0810937

 

Aggiungi commento


Adesione convegno Le povertà invisibili

Iscrizione newsletter Cilap

Aderisci al Cilap Eapn Italia

modulo

Login Form

Banning Poverty

Google translate

il nostro account Twitter

Twitter

il nostro account Facebook

Seguici su Facebook

il nostro canale Youtube

Youtube