Giornata mondiale di lotta alla povertà e alla miseria 17 ottobre 2012

giornata poverta 17 ottobre 2012Il 17 ottobre 2012  è partita la campagna mondiale

"Dichiariamo illegale la povertà - banning poverty 2018".

Riccardo Petrella, Bruno Amoruso, Padre Alex Zanotelli e Patrizia Sentinelli, nella conferenza stampa hanno presentato i

12 principi perché la povertà deve essere dichiarata:

  1. nessuno nasce povero né scelgie di esserlo
  2. poveri si diventa
  3. non è solo la società povera che produce povertà
  4. l'esclusione produce impoverimento
  5. l'impoverimento è collettivo
  6. l'impoverimento è figlio di una società che non crede nei diritti di vita e di cittadinanza per tutti
  7. i processi di impoverimento avvengono in società ingiuste
  8. la lotta contro la povertà e l'impoverimento è innanzi tutto la lotta contro la ricchezza ineguale, ingiusta e predatrice
  9. il pianeta degli impoveiti è sempre più popoloso
  10. le politiche di riduzione e di eliminazione della povertà perseguite negli anni quaranta sono fallite
  11. la povertà è una delle forme più avanzate di schiavitù
  12. per liberare la società dall'impoverimento bisogna mettere fuori legge le leggi, le istituzioni e le pratiche collettive che generano e alimentano i processi di impoverimento.

A cosa mira la campagna: nel 2018 sarà il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. chiediamo una risoluzione che proclami l'illegalità delle leggi, delle istituzioni e delle pratiche sociali collettive che producono e alimentano la povertà nel mondo. La campagna è già partita in Quebéc, in Argentina e in Belgio Oggi parte dall'Italia, per una Italia senza povertà.

Promotori: Gloria Adami (Cospe - Verona) -  Bruno Amoruso (Centro Sudi economici F. Caffè) - Elisabetta Angelucci (Rete nuovi stili di vita  Reggio Emilia) - Elisa Bacciotti (Oxfam Italia) - Andrea Baranes e Antonio Morreale ( Fondazione culturale responsabilità etica Roma) - Lucia Bertelli (Coop. Studio Guglielma Verona) - Vittorio Capecchi (UniBologna) - Giovanni Ceriana (Work in progress Verona) - Luigi Ciotti (Gruppo Abele Libera, Torino) - Michele Dorigatti (Federazione trentina della cooperazione, Trento) - Moshen Khocktali (Centro islamico Ucoii, Verona) - Francesco Gesualdi Centro nuovo modello di sviluppo, Pisa) - Pierluca Ghibelli (CGM Milano) - Paola Libanti e Alessandro Mazzer (Associazione Monastero del bene comune, Verona) -  Mario Menin (Rivista missione oggi Brescia) - Francine Mestrum (Global Justice Network, Belgio) - Jolanda Molinarolli (Gruppo donne Fiom, Verona) - Franco Moretti e Raffaello Zordan Rivista Nigrizia, Verona) - Roberto Musacchio (Osservatorio Europa, Roma) - Silvano Nicoletto (Comunità Stimmatini di Sezano, Verona) - Riccardo petrella (Università del bene comune) - Gianpaolo Petrucci (Agenzia Adista, Roma) - jean Pierre Piessou Slysajah , Verona) - Maria Teresa Ratti e Jessica Cugini (Rivista Combonifem, Verona) - Achille Rossi e Enzo Rossi Rivista Altrapagina, Città di Castello) - Patrizia Sentinelli (Associazione Altramente, Roma) - Nicoletta Teodosi (Cilap Eapn Italia) - Jonathan Terino (Federazione Chiese evangeliche in Italia) - Antonio Vermigli (Rete Radiè Resch, Pistoia) - Alex Zanotelli (Rivista Mosaico di pace, Firenze) - Marco Zullo (terraè, Pordenone).

 

Contatti:

Iniziativa Dichiariamo Illegale la Povertà (DIP)

c/o Associazione Monastero del Bene Comune

Via Mezzomonte, 28

37142 - Verona

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.banningpoverty.org

facebook.com/dichiariamoillegalelapoverta